prologo

bisognava guardare il mare che non parla
e allarga le foci dei fiumi

farsi scivolare dai gomiti quel senso del dovere
alla spiaggia
alle buche

a due

ho ancora un bambino crudele nel petto
i giochi con gli elastici
i pollici versi

e nasceremo delfini un’altra volta

fausto torre